Archivio Mensile: Maggio 2021

Articoli
Sirti Digital Solutions, la nuova azienda del Gruppo Sirti che abilita la digital transformation di aziende pubbliche e private

26 Gennaio 2023

SMAU Taranto, 26 gennaio 2023 - Panel dedicato alla Digital Transformation, innovazione e tecnologie sostenibili. ''La DigitalTrasformation favorirà lo sviluppo tecnologico sostenibile del territorio italiano. Per questo sono fondamentali le #competenze sulle #reti, che sono il tessuto che abilita questa grande rivoluzione''. Ha dichiarato Urbano Mimmo Head of Marketing and Commercial Planning di Sirti Digital Solutions, la nuova azienda del Gruppo Sirti che abilita la digitaltransformation attraverso i servizi di networking, sw & system integration, cybersecurity, IoT, Cloud & Technological Plants. Le competenze del suo personale sono testimoniate dalle più di 1700 certificazioni personali rilasciate dai più importanti player di tecnologia a livello mondiale. L' approccio ''open innovation'' con vendor tecnologici, clienti e start up, alimenta un vantaggio ''circolare'', in termini di valore generato a beneficio dell'intera filiera di mercato''.

Articoli
Edge computing, un metodo più rapido ed efficiente per elaborare i dati

11 Gennaio 2023

Gianni Sannino, Head of Operation IT Sirti Digital Solutions, illustra le molteplici opportunità di trasformazione abilitate dall’edge computing In un conteso di forte trasformazione digitale, in cui l’aumento della richiesta di servizi rapidamente configurabili incontra la crescente diffusione dell’Internet of Things, nascono architetture di rete estremamente performanti, flessibili, durevoli nel tempo e in grado di consentire l’erogazione di servizi su cloud sia privati sia pubblici: l’edge computing è una di queste.Si tratta di una forma di elaborazione che, anche grazie alla diffusione del 5G, offre a enti di qualunque tipologia, tramite applicazioni di livello enterprise, un metodo più rapido ed efficiente per elaborare i dati. Ciò risulta possibile in quanto l’edge computing viene eseguito in sede o in prossimità di una particolare origine dati, riducendo considerevolmente, rispetto ai modelli tradizionali, la necessità di elaborare i dati in un data center remoto.Gianni Sannino, Head of Operation IT Sirti Digital SolutionsLe opportunità di trasformazione abilitate dall’edge computing sono molteplici e vanno dal miglioramento della sicurezza negli ambienti industriali, alla manutenzione preventiva e predittiva dei macchinari tramite sensori negli impianti di produzione, passando per l’ottimizzazione delle esperienze dei pazienti e collegandoli quando necessario, fino all’intrattenimento.La potenza della rilevazione e l’analisi dati in tempo reale per l’automazione, la previsione e il controllo significano maggiore agilità e valore per le filiere produttive. In uno scenario in cui il 5G offre un ulteriore supporto grazie al Mobile Wireless Ultrabroadband i campi di applicazione si incrementano in maniera esponenziale.La capacità di raccogliere, analizzare e gestire i dati vicino alla loro origine consente, inoltre, di garantire i requisiti di servizio a quelle applicazioni che richiedono tempi di risposta particolarmente ridotti (bassa latenza).Le applicazioni, infatti, possono beneficiare di un percorso dei dati più breve verso una vicina piattaforma di edge, invece che verso un cloud centralizzato e distante. La gestione dei dati on site accresce, inoltre, la sicurezza associata al relativo trasferimento, consentendo di attuare una politica di sicurezza distribuita e partendo dai sensori fino all’utilizzatore finale, passando per i dispositivi, la network, la gestione e la memorizzazione dei dati.Oltre a consentire alle aziende di monitorare attentamente l’efficienza delle apparecchiature e delle linee di produzione, questa forma di elaborazione risulta applicabile in molteplici settori, tra cui quello della sicurezza e monitoraggio medico, quello legato ai veicoli a guida autonoma, alle videoconferenze e customer experience avanzate.Come azienda operiamo in questo contesto, per player di settori differenti, nella creazione delle reti intelligenti, ovvero un insieme di reti di informazioni e di reti di distribuzione telco, elettriche, idriche e altre ancora.Un esempio tangibile di questo tema è un progetto di co-creazione in ambito Internet of Things che Sirti Digital Solutions ha recentemente finalizzato con un importante player che opera nel settore delle reti per la trasmissione di energia elettrica. Nello specifico, è stato creato un sistema IoT – dotato di sensori, moduli di edge computing e di trasmissione dei dati verso una piattaforma centrale – in grado di monitorare le infrastrutture elettriche anche in aree di difficile raggiungimento e sottoposte a condizioni ambientali estreme, caratterizzate dalla presenza di forti venti e basse temperature.Grazie a un lavoro sinergico tra i due player, è nato un sistema integrato di misura, raccolta ed elaborazione in real-time dei dati di funzionamento delle linee elettriche ad alta tensione composto dalla combinazione di una serie di elementi tecnologici e operativi. Un esempio tangibile di come l’integrazione di soluzioni tecnologiche innovative possa dare un contributo concreto alla protezione e al monitoraggio di infrastrutture strategiche per il Paese dalle quali dipendono servizi essenziali per le comunità.In un mercato ipercompetitivo e dinamico, pertanto, è richiesta alle aziende la capacità di evolversi in modo tempestivo per adattarsi ai cambiamenti di mercato e alle esigenze dei clienti in continua evoluzione. Per vincere questa sfida devono potersi affidare a società che possano fare da advisor di tecnologie e supportarle in logica end to end grazie a una consolidata capacità di system integrator e alla presenza su tutto il territorio nazionale di personale altamente qualificato.Sirti Digital Solutions, oltre ad avere nel proprio DNA questi punti di forza, completa il suo portafoglio di offerte con servizi di networking e cybersecurity, mettendo in sicurezza ecosistemi complessi e reti in continua trasformazione.https://www.01net.it/edge-computing-un-metodo-piu-rapido-ed-efficiente-per-elaborare-i-dati/ 

Articoli
Sirti e Open Fiber, completato il Programma Lavoro Carcerario nel carcere di Rebibbia

14 Dicembre 2022

 Il progetto, in collaborazione con le Istituzioni, si pone l’obiettivo di creare per i detenuti opportunità di lavoro qualificante nel settore delle TLC. Ufficializzate le assunzioni di 7 detenuti che – completato con successo il percorso di formazione – entreranno nelle squadre di Sirti e OFNS come tecnici per le infrastrutture di rete in Italia. L’iniziativa nel Carcere di Rebibbia ha permesso di dare continuità al primo progetto pilota nel Carcere di Torino, che ha visto la formazione e la successiva assunzione in Sirti di un’ulteriore classe di 7 detenuti già operativi dal mese di ottobre 2022. Roma, 14 dicembre 2022 – Il Gruppo Sirti –hub di innovazione nel campo dello sviluppo delle infrastrutture di rete e dei servizi digitali e di cybersecurity – e Open Fiber – che sta realizzando in Italia una rete ultraveloce in città, piccoli comuni e zone industriali – hanno finalizzato il Programma Lavoro Carcerario presso il Carcere di Rebibbia, che ha l’obiettivo di creare per i detenuti opportunità di lavoro qualificante nel settore delle Telecomunicazioni.È stata ufficializzata oggi la regolare assunzione di una classe di 7 detenuti che – completato con successo il percorso di formazione della durata di oltre 160 ore – entreranno nelle squadre di Sirti e del consorzio Open Fiber Network Solutions (OFNS) come addetti per le attività di giunzione di fibra ottica per le infrastrutture di rete in Italia.  L’iniziativa si inserisce all’interno di un ampio progetto di inclusione sociale promosso dalle Istituzioni italiane in collaborazione con i più importanti player italiani nel settore delle telecomunicazioni. Un percorso concreto per permettere ai detenuti di acquisire nuove competenze, spendibili anche al termine dell’esperienza di detenzione, offrendo al contempo valide occasioni di lavoro internamente ed esternamente alle carceri, nelle modalità previste dalle leggi.L’attività svolta al Carcere di Rebibbia ha permesso di dare continuità al primo progetto pilota annunciato agli inizi del 2022 presso il Carcere di Torino, che ha visto la formazione e la successiva assunzione in Sirti di una ulteriore classe di 7 detenuti già operativi dal mese di ottobre 2022.“Il Programma Lavoro Carcerario rappresenta un esempio concreto di come temi cruciali per il Paese, come la carenza di manodopera qualificata e la necessaria riabilitazione dei detenuti, possano essere affrontati attraverso strumenti innovativi, grazie alla collaborazione di sistema tra le Istituzioni e le imprese private”, ha commentato Clemente Perrone, Chief People, Organization & Communication Officer del Gruppo Sirti.  “Si tratta di un approccio particolarmente in linea con la nostra filosofia del ‘fare’, che rappresenta uno dei capisaldi strategici che contraddistingue il nostro operato da oltre cento anni. Per questo motivo, abbiamo deciso con entusiasmo di aderire al progetto e di esserne parte attiva, nella speranza che possa essere in futuro di ispirazione per un numero sempre maggiore di aziende”.      “La partecipazione ad un grande progetto di infrastrutturazione digitale del Paese offre ai detenuti una nuova opportunità potenziando la funzione rieducativa della pena”, ha dichiarato Ivan Rebernik, direttore Personale, Organizzazione e Servizi di Open Fiber. “Completato il percorso di formazione, i detenuti saranno assunti sulla base dei contratti nazionali di categoria dal consorzio Open Fiber Network Solutions, che rappresenta una novità nella filiera delle telecomunicazioni. OFNS oggi conta 600 persone che diventeranno 1000 nel 2023, per contribuire in particolare alla copertura di piccoli comuni e zone industriali”.Programma Lavoro Carcerario è un progetto innovativo di collaborazione tra privato e pubblico, che non ha precedenti, anche a livello internazionale. Oltre a garantire la presenza di lavoratori adeguatamente preparati, dunque, fornirà a detenute e detenuti un’opportunità lavorativa remunerata, nonché la possibilità di imparare un mestiere che sarà altamente richiesto nei prossimi anni. Open Fiber Open Fiber nasce per realizzare un’infrastruttura di rete a banda ultralarga in fibra ottica (FTTH) in tutto il Paese. L’obiettivo è garantire la copertura delle principali città italiane e il collegamento delle aree rurali attraverso una rete in fibra ultrabroadband, fornendo servizi e funzionalità sempre più avanzati per i cittadini, le imprese e la PA. Open Fiber è un operatore wholesale-only, non vende servizi in fibra ottica direttamente al cliente finale, ma mette la sua infrastruttura a disposizione di tutti gli operatori interessati a parità di condizioni. Con oltre 15 milioni di UI ultra broadband già connesse, Open Fiber è il principale operatore italiano di fibra ottica FTTH e tra i leader in Europa. Gruppo SirtiSirti è un hub di innovazione nel campo dello sviluppo delle infrastrutture di rete e dei servizi digitali e di cybersecurity. Fondata nel 1921, opera nei settori delle Telecomunicazioni e Digital Solutions con circa 3.400 dipendenti.

Articoli
Il Gruppo Sirti riceve il premio:’’Miglior programma di corporate car sharing per una flotta sostenibile’’

13 Dicembre 2022

Milano, 13 dicembre 2021 Il Gruppo Sirti riceve il premio:’’Miglior programma di corporate car sharing per una flotta sostenibile’’ Il Gruppo Sirti riceve il premio: ’’Miglior programma di corporate car sharing per una flotta sostenibile’’#MissionFleetAwards 2022, è il premio italiano del settore automobilistico organizzato da MissionFleet e Newsteca.In questa settima edizione sono state valorizzate le #bestpractice nella gestione delle flotte aziendali.  Questo riconoscimento​ ​è la testimonianza dell’impegno concreto del Gruppo Sirti in ambito sostenibilità con un approccio olistico, dalla strategia ai processi aziendali. Nel dettaglio, il progetto ha portato ad analizzare nel dettaglio le attività e le mansioni del personale operativo, sia esso diretto ovvero operativo "on-field", sia esso indiretto ovvero di assistenza/supporto per i tecnici operativi in campo. I benefici sono: un miglioramento della pianificazione delle attività al fine di ottimizzare i percorsi, ridurre i consumi a vantaggio di un abbattimento dell’ inquinamento; definizione di un Car Sharing Operativo. Motivazione del premio:  Sirti è stata premiata per avere concentrato l’attività di saving nel progetto di car sharing delle auto in pool dei dipendenti con funzioni operative indirette. Eccellente l’analisi degli scenari con un obiettivo finale di possibile virata all’elettrico in futuro.

Articoli
Apre la linea blu, la M4. La nuova metro leggera ad automatismo integrale.

26 Novembre 2022

Milano, 26 novembre 2022 - Apre la linea blu, la M4. La nuova metro ha aperto le prime sei stazioni: dall'aeroporto di Linate a piazzale Dateo, passando per le fermate Repetti, Forlanini, Argonne e Susa. L'inaugurazione è avvenuta alle 11 a Linate, alla presenza delle autorità e dei lavoratori delle imprese coinvolte Non si tratta solo di una infrastruttura lungamente attesa e strategica che renderà più facile raggiungere il centro città dall'aeroporto, in quanto oggi sarà restituito a chi abita i quartieri interessati a lungo dai cantieri degli spazi pubblici riqualificati, verdi, sostenibili e aperti a tutti, con aree per il gioco dei bambini e attrezzature sportive. La M4 è una "metropolitana leggera ad automatismo integrale": un sistema tecnologico che conserva le caratteristiche della metropolitana classica, ma con standard tecnici prestazionali più elevati e meno dispendiosi. La guida è driverless - senza conducente, come accade già per la M5 - e la blu avrà sarà dotata di un sistema di controllo intelligente del traffico che "garantisce ai passeggeri i più elevati standard di sicurezza". Un passo avanti per la mobilità della Città. Tecnologia e ricerca di soluzioni sostenibili  attente al saving in termini di spazi e consumi caratterizzano l'infrastruttura. Sirti Telco Infrastructures e Sirti Digital Solutions ed altri partner hanno progettato e realizzato l'impianto per l'estensione della copertura radiomobile.  La capacità di integrare soluzioni tecnologiche diverse e di lavorare in co-creation con partner e clienti sono state le caratteristiche vincenti che hanno guidato l’operato Sirti

Articoli
Progetti e iniziative volti a sensibilizzare e incentivare l'inclusione sociale e lavorativa nel settore ICT

16 Novembre 2022

Intervista a Clemente Perrone - Chief People, Organization & Communication Officer del Gruppo SirtiQN - Il Giorno  07/11/2022   ed. Milano Speciale  p. 17 Milano 07/11/2022 - Sirti, hub di innovazione  nel campo dello sviluppo delle infrastrutture di rete e dei servizi digitali e cybersecurity ha avviato progetti e iniziative volti a sensibilizzare e incentivare l'inclusione sociale e lavorativa nel settore Ict. Tra questi, attività di formazione dedicate alle giovani risorse, attuali e potenziali, e al reinserimento lavorativo di detenuti e detenute. Ma anche progetti finalizzati a promuovere l'empowerment femminile in una industry ad alto contenuto tecnologico come quella in cui opera. Spiega Clemente Perrone, Chief People, Organization & Communication Officer del Gruppo Sirti: «Sirti è un hub di innovazione nello sviluppo delle infrastrutture di rete e dei servizi digitali e di cybersecurity fondato nel 1921, che opera da oltre cento 100 anni nei settori delle telecomunicazioni e della trasformazione digitale e vanta 3.500 dipendenti. Nel nostro ruolo, ogni giorno, contribuiamo concretamente allo sviluppo del Paese, costruendo quelle infrastrutture che sono ormai considerate le autostrade della comunicazione di ultima generazione. Permettiamo alla gente e alle cose di connettersi, aspetto fondamentale dell'attuale era digitale in cui siamo immersi». Quali i progetti per incentivare l'inclusione sociale e lavorativa nel settore ICT? «L'ultima iniziativa lanciata è il progetto #STEMinPurple, campagna di sensibilizzazione realizzata in sinergia con Nokia e diffusa sui social media, con l'obiettivo di promuovere la gender equality in ambito Stem. Crediamo sia necessario creare consapevolezza, internamente ed esternamente alle aziende, in tema di uguaglianza di genere e inclusione in un settore come quello ad alto contenuto tecnologico, spesso percepito come prettamente maschile». Le vostre iniziative di educational sono rivolte anche alle fasce deboli? «Sì, e anche qui il tema dell'inclusione è cruciale. Circa un anno fa, abbiamo avviato l'iniziativa «Programma Lavoro Carcerario», realizzata in collaborazione con i ministeri della Giustizia e dell'Innovazione Tecnologica e dedicata alla reintegrazione dei detenuti. Sirti ha guidato le fasi di formazione in materia di infrastrutture di rete, indispensabili per portare il servizio di banda larga in case, scuole, strutture sanitarie e siti remoti. Abbiamo implementato al carcere di Torino un programma di formazione e avviamento al lavoro nell'ambito delle carceri, tradizionalmente non in grado di offrire sufficienti opportunità lavorative ai detenuti». Vittorio Bellagamba © RIPRODUZIONE RISERVATA Gruppo SirtiSirti è un hub di innovazione nel campo dello sviluppo delle infrastrutture di rete e dei servizi digitali e dicybersecurity. Fondata nel 1921, opera nei settori delle Telecomunicazioni e Digital Solutions con circa 3.500 dipendenti.

Articoli
ECOHITECH AWARD: Sirti tra i vincitori della 24° edizione con il progetto Mens per la categoria ''servizi ai cittadini.''

14 Novembre 2022

Nella categoria servizi ai cittadini, il primo premio è andato a Sirti per il progetto MENS - Mobile Environment Sensing, quale “soluzione innovativa di monitoraggio ambientale al servizio del cittadino e strumento di analisi per dare vita a interventi migliorativi in ambito urbano” Milano, 10 Novembre 2022 – Sono Trento, Montevarchi, Aicurzio e Provaglio d’Iseo gli enti pubblici “virtuosi” premiati durante la XXIV edizione dell’Ecohitech Award che ogni anno riconosce i progetti più innovativi e sostenibili in ambito Smart City e le soluzioni adottate dalle Pubbliche Amministrazioni per la transizione ecologica e digitale. Insieme ai Comuni, sono salite sul podio anche alcune realtà – quali Enel X, Sirti, Università di Modena e Reggio-Emilia e Huna – per il loro approccio innovativo e sostenibile. Promosso da LUMI, il premio è stato assegnato il 10 Novembre al termine di un convegno sulla digitalizzazione dei servizi per città green e resilienti in occasione di Key Energy, la manifestazione di riferimento per rinnovabili ed efficienza energetica. La giuria di esperti dell’Ecohitech Award 2022 ha eletto i vincitori per le diverse categorie, valutando sia la portata innovativa sia le ricadute sociali, ambientali ed energetiche delle soluzioni e dei progetti presentati. Categoria SERVIZI AI CITTADINI Nella categoria servizi ai cittadini, il primo premio è andato a Sirti, pari merito  con il comune di Trento. In particolare, a Sirti per il progetto MENS - Mobile ENvironment Sensing, realizzata in collaborazione con la start-up Sense Square, quale “soluzione innovativa di monitoraggio ambientale al servizio del cittadino e strumento di analisi per dare vita a interventi migliorativi in ambito urbano”. INFORMAZIONI SUL PREMIO Dal 1998, lo storico premio Ecohitech Award riconosce e valorizza i progetti e le soluzioni di enti pubblici e aziende in tema di efficienza energetica, sostenibilità ambientale, servizi ai cittadini e digitalizzazione dei territori. Gruppo SirtiSirti è un hub di innovazione nel campo dello sviluppo delle infrastrutture di rete e dei servizi digitali e dicybersecurity. Fondata nel 1921, opera nei settori delle Telecomunicazioni e Digital Solutions con circa 3.500 dipendenti.

Articoli
Sirti Digital Solutions al fianco del Ministero della Difesa per l’adeguamento tecnologico del Data Center di Palazzo Guidoni

8 Novembre 2022

L’incarico prevede l’intervento di Sirti Digital Solutions per l’evoluzione degli impianti di alimentazione e di condizionamento del Data Center di Palazzo Guidoni, nuova sede del Segretariato Generale della Difesa e ubicato presso l’Aeroporto ‘F. Baracca’ in Roma Milano, 8 novembre 2022 – Sirti – hub di innovazione nel campo dello sviluppo delle infrastrutture di rete e dei servizi digitali e di cybersecurity – annuncia l’avvio di un nuovo progetto per il Ministero della Difesa che prevede l’adeguamento degli impianti tecnologici del Data Center di Palazzo Guidoni a Roma, nuova sede del Segretariato Generale della Difesa/Direzione Nazionale degli Armamenti (SGD/DNA). Si tratta di un contratto che, rafforzando ulteriormente la collaborazione del Gruppo Sirti con il Ministero della Difesa, prevede l’intervento della società – attraverso Sirti Digital Solutions – nelle attività di adeguamento delle infrastrutture elettriche e di condizionamento, di realizzazione delle isole rack e sistema di supervisione e controllo del Data Center. L’intervento di Sirti Digital Solutions, in qualità di esecutore unico del progetto, permetterà di garantire, grazie all’applicazione delle linee guida progettuali basate sullo standard Tier 4 di Uptime Institute, la presenza di un Data Center concepito secondo i paradigmi tecnologici e di sicurezza di ultima generazione, creato per essere totalmente fault-tolerant, ogni componente è ridondato e include più sistemi di alimentazione e di raffreddamento. In questo modo, vengono assicurati all’interno di questo progetto tutti quegli accorgimenti e standard di classificazione che consentono di garantire il più elevato livello di affidabilità e sicurezza del servizio. “Questo intervento di adeguamento tecnologico per il Ministero della Difesa è un’ulteriore testimonianza del solido posizionamento che Sirti Digital Solutions ha raggiunto nell’ambito dei progetti di evoluzione delle infrastrutture digitali, continuando a rappresentare un punto di riferimento nel percorso di trasformazione digitale del Paese”, ha commentato Luca Rubaga, Managing Director di Sirti Digital Solutions Spa. Gruppo SirtiSirti è un hub di innovazione nel campo dello sviluppo delle infrastrutture di rete e dei servizi digitali e dicybersecurity. Fondata nel 1921, opera nei settori delle Telecomunicazioni e Digital Solutions con circa 3.500 dipendenti.

Articoli
Digitale, Rubaga: “Italia pronta alla svolta, investire di più in formazione e R&S”

31 Ottobre 2022

L'intervista Il Managing Director di Sirti Digital Solutions: “Le risorse del Pnrr sono di rilevanza assoluta per costruire un futuro all’insegna dell’innovazione e della sostenibilità”. Spinta dalle nuove regole europee contenute nel Dma e nel Dsa. Formazione, infrastrutture e ricerca e sviluppo: sono queste le tre direttrici entro cui si deve muovere il Paese per mettere a valore la chance del Pnrr. Ne è convinto Luca Rubaga, Managing Director di Sirti Digital Solutions. Rubaga, l’Italia sta attraversando una delicata fase di transizione: il cambio di governo e la necessità di spendere al meglio i fondi del Pnrr sono questioni importanti. A suo avviso, quali sono le priorità digitali strategiche di cui il Paese si deve occupare? Con il Pnrr, l’Unione Europea ha deciso di rendere disponibili ai vari Paesi dell’Unione risorse di rilevanza assoluta con l’obiettivo di ripartire in modo congiunto dopo l’emergenza sanitaria e realizzare un futuro di sviluppo e benessere all’insegna del digitale e della sostenibilità. Le priorità digitali strategiche che il Paese e il nuovo governo dovrà indirizzare passano a mio avviso attraverso tre direttrici principali. Quali sono? Innanzitutto, il miglioramento, ma anche l’incremento dei percorsi di formazione in materia di competenza tecnologica e digitale per tutti i livelli della società, non solo nei giovani ma anche nella classe dirigente e manageriale. L’investimento in adeguate infrastrutture tecnologiche “strutturali” che possano far fare un balzo in avanti nell’ammodernamento del sistema paese. E infine, l’accelerazione di progetti di Ricerca & Sviluppo per dare modo al sistema produttivo italiano di colmare il gap rispetto ai competitor internazionali. Siamo ovviamente fiduciosi che questa rinnovata consapevolezza circa la centralità degli investimenti nel digitale sia il prerequisito per fornire servizi digitali più innovativi e di maggiore qualità ai cittadini e alle imprese italiane. Quali sono i punti di forza su cui il Paese deve fare leva? L’Italia è una delle economie a maggior trazione manifatturiera del mondo e si distingue per un sistema imprenditoriale forte, creativo, e particolarmente votato all’export. Questo nostro punto di forza deve spingerci a investire e credere in quella trasformazione digitale che è vitale per preservare la competitività e incrementare la produttività delle nostre aziende, in uno scenario sempre più sfidante e in continua evoluzione. La digitalizzazione è un processo che va letto anche in chiave europea. Come giudica i recenti regolamenti europei, Digital Markets Act e Digital Services Act? Credo che in qualsiasi mercato sano – compreso quello digitale – debba regnare l’assoluta trasparenza e il pieno rispetto delle giuste pratiche di concorrenza. Per far ciò bisogna darsi delle regole chiare, ben vengano quindi il Dsa (Digital services act), e il Dma (Digital markets act), approvati dal Parlamento Europeo. Costituiscono un pacchetto normativo atto a regolamentare le piattaforme digitali online, tenendo conto dell’evoluzione di un mercato digitale che oggi è totalmente diverso rispetto a quello di due decenni fa. Quale ruolo può svolgere un’azienda come Sirti Digital Solutions per spingere innovazione del sistema Paese? Sirti Digital Solutions è uno dei più importanti system integrator nello scenario Ict italiano e vanta una consolidata capacità di sviluppare e realizzare progetti complessi di trasformazione digitale. Grazie alla competenza di un team altamente specializzato nelle tecnologie di ultima generazione, operiamo già su una serie di infrastrutture “mission critical” per il funzionamento del sistema Paese collaborando con i principali operatori dei settori di mercato più strategici: Energia, Finanza, Telecomunicazioni, Banche, Pubblica Amministrazione e Difesa. Ci può dare un’idea della traiettoria di crescita di Sirti Digital Solutions? Sirti Digital Solutions ha raggiunto nel 2021 un volume di business pari a 200 milioni di euro (vs 191 milioni di euro nel 2020) con un incremento di ordini del +10% anno su anno. L’aspetto significativo è che possiamo contare già contare su una pipeline di progetti che rafforzeranno ulteriormente la crescita del business nel corso del 2022, anno in cui sono previste 70 nuove assunzioni. Come quello di co-creazione annunciato di recente con Terna in ambito Internet of Things, in cui è stato creato un sistema dotato di sensori, moduli di edge computing e di trasmissione dei dati verso una piattaforma centrale in grado di monitorare le infrastrutture elettriche anche in aree di difficile raggiungimento e sottoposte a condizioni ambientali estreme, caratterizzate dalla presenza di forti venti e basse temperature. Su cosa punterete nei prossimi mesi? Nei prossimi mesi, in particolare, focalizzeremo i nostri investimenti su quelli che riteniamo gli ambiti cruciali – ed abilitanti – del processo di digitalizzazione del Paese, ovvero l’Edge computing e le reti Intelligenti, la cybersecurity, l’automation ed artificial intelligence, facendo leva su un’ampia rete di partnership con i più importanti player tecnologici di livello globale e sulla nostra sistematica adozione del paradigma dell’open innovation. (https://www.corrierecomunicazioni.it/digital-economy/digitale-rubaga-italia-pronta-alla-svolta-investire-di-piu-in-formazione-e-rs/)

UFFICIO STAMPA SIRTI

Barabino & Partners

Luciano Majelli, l.majelli@barabino.it  

Federico Zoni Berisso, f.zoniberisso@barabino.it